VENDERE PROGETTI ATTRAVERSO GLI OGGETTI

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.


Il negozio di mobili tradizionale deve evolvere verso una maggiore professionalità, puntando sulla progettazione e le ristrutturazioni. È questa l’idea di Picconalbicocco, dal 1922 punto di riferimento per gli appassionati del mobile moderno e di design nella Costa Azzurra.

La gestione del punto vendita deve seguire nuove logiche e un nuovo modello di business, più flessibile, più dinamico e soprattutto in grado di rispondere alle esigenze di un mercato che, a fronte della recessione economica, sta radicalmente cambiando.
Negli ultimi anni ho compreso che non era necessario avere un negozio tradizionale, ma uno show room pensato con alcune caratteristiche particolari.

Gli strumenti chiave con cui ci differenziamo e attiriamo la nostra clientela sono sostanzialmente quattro: un sito internet semplice e curato, un’offerta ampia ma sempre di qualità, servizio di assistenza dedicato, complementi di arredo.

I complementi sono un genere solitamente snobbato dai miei colleghi perché richiede più attenzione ed energie da parte dei venditori parcellizzando il fatturato a scapito di cucine, divani, camere da letto, etc. Il ragionamento che abbiamo fatto segue invece una logica semplice: se hai un negozio che vende solo cucine e il cliente non ha bisogno di rinnovarla, in quel negozio non entrerà mai. Però se quel negozio, oltre alla cucina vende anche una pentola molto particolare, oppure un piatto unico nel suo genere, magari gli si fornisce un pretesto per entrare, per conoscersi e da li sviluppare in futuro qualcosa di più importante. La chiave è far entrare il cliente in negozio e questo lo si può fare in tante maniere diverse. Grazie alle vetrine attraenti ed “inattese” abbiamo avuto clienti che sono partiti
dall’acquistare un inusuale bicchiere in plastica; ci siamo conosciuti, hanno sposato la nostra filosofia e dal bicchiere siamo passati ad un
progetto d’arredo da diverse migliaia di euro, solo per fare un esempio.

Il progetto resta il nostro punto di forza.

L’intervista al cliente poi ci permette di tracciare un profilo delle esigenze e dei desideri in modo da poter rispondere rapidamente attraverso la gestione degli spazi e la distribuzione dei volumi.

Dal 1922 punto di riferimento importante per i mobili contemporanei, Picconalbicocco, da sempre facente capo alla famiglia Berlusconi e oggi in mano a Gianluca e Claudia, offre nei suoi show-room un team di professionisti capace di realizzare progetti su misura. La cura del dettaglio, la filosofia “chiavi in mano”, sono i risultati dell’esperienza e della passione acquistate durante gli anni. La cooperazione efficace con architetti, tecnici e attività commerciali in Costa Azzurra e soprattutto Montecarlo, permettono a Picconalbicocco di fornire dei servizi all’altezza di una clientela esigente.